Emorroidi laser indolore

EMORROIDI: UN FASTIDIOSO PROBLEMA CHE NON SPAVENTA PIU’

La ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico hanno favorito la nascita di HeLP (Hemorroid Laser Procedure, ovvero dearterializzazione emorroidaria transanale mediante laser), vera rivoluzione per il trattamento radicale incruento delle emorroidi.


La malattia emorroidaria affligge poco meno della metà della popolazione mondiale adulta di ambo i sessi. La sua incidenza è peraltro assai spesso sottostimata , in quanto le emorroidi non necessariamente sono visibili a livello dell’orifizio anale; frequenti sono infatti le cosiddette emorroidi interne, che possono dare disturbi anche seri pur non essendo sempre visibili ad un esame superficiale.

Diverse sono le cause di tale patologia (stitichezza, sedentarietà, disordine alimentare ed in particolare abuso di determinati alimenti, congenita debolezza della parete venosa, gravidanza), così come molteplici sono i sintomi ed i quadri clinici che ne conseguono (dolore, sanguinamento, tromboflebite emorroidaria, prolasso).

Il più delle volte, i pazienti che accusano i fastidi tipici della malattia emorroidaria riescono a superarli ed almeno apparentemente a guarire con provvedimenti di tipo medico, dietetico e comportamentale. Nei casi meno fortunati e generalmente dopo anni di alternanza tra fasi di benessere e riprese di malattia si paventa quindi per molti pazienti (35.000 circa ogni anno in Italia) lo spettro del tanto temuto trattamento chirurgico, generalmente causa di un decorso post’operatorio doloroso e spesso travagliato.

Esistono diversi tipi di trattamento chirurgico o parachirurgico delle emorroidi; dai classici interventi di emorroidectomia selettiva (il più eseguito è quello di Milligan-Morgan), si passa all’intervento di Longo che trova indicazione soprattutto nei casi di emorroidi di terzo grado non complicate da prolasso rettale irriducibile, sino ad arrivare ai trattamenti di sclerosi o di legatura elastica che hanno il pregio di essere meno cruenti, ma che in un elevato numero di casi espongono a dolore, a complicanze o a recidive precoci. Tali interventi, nessuno escluso, hanno un comune denominatore: l’asportazione diretta o provocata delle emorroidi e/o di una porzione di tessuto ad esse circostante, fatto questo che spiega il dolore postoperatorio più o meno intenso avvertito dal paziente e le non infrequenti complicanze emorragiche o della funzionalità sfinteriale.

Oltre a quelli sopra citati esiste tuttavia (ormai da più di 10 anni) un altro approccio al trattamento delle emorroidi che si differenzia sostanzialmente dai primi in quanto non si pone l’obiettivo di asportare le emorroidi, ma di “asciugarle” eliminando il rifornimento di sangue alla emorroidi stesse normalmente garantito dai rami delle arterie emorroidarie superiori. Tale intervento è noto tra gli esperti come intervento di Morinaga (il chirurgo giapponese che l’ha ideato) , e sulla scia del successo di detta procedura sono seguiti altri interventi analoghi ormai perfettamente collaudati e rispetto al primo sicuramente migliorativi. Ricordiamo, tra questi, l’intervento di dearterializzazione e di plicatura mucosa (THD) che nelle ultime linee guida della Società Italiana di Chirurgia Colorettale viene considerato come uno degli interventi di scelta per il trattamento delle emorroidi non complicate da prolasso rettale irriducibile. L’intervento viene in genere eseguito in anestesia generale o spinale. Introdotto l’anoscopio nel retto, le arteriole emorroidarie vengono identificate per mezzo di un rilevatore di flusso (doppler) ed occluse con punti transfissi; l’eventuale prolasso mucoso viene infine ridotto cun una sutura retraente.

Negli anni 2007-2008, è stata proposta una ulteriore variante dell’intervento di Morinaga, il cosidetto HeLP (Hemorroid Laser Procedure ovvero dearterializzazione emorroidaria trans anale mediante laser). Le arteriole che riforniscono le emorroidi (come sempre identificate per mezzo del doppler) non vengono più legate con un punto, bensì fotocoagulate mediante un raggio laser mirato. La risoluzione parziale o totale dell’eventuale prolasso la si ottiene grazie alla retrazione cicatriziale della mucosa rettale danneggiata dal calore. Il grande vantaggio di quest’ultima soluzione è quello di consentire l’esecuzione dell’intervento senza anestesia alcuna (neppure locale!), tuttalpiù ed in casi selezionati con una leggerissima sedazione che ha l’unico scopo di favorire il rilassamento del paziente. Grazie ad HeLP il trattamento delle emorroidi diventa assolutamente incruento, indolore (sia durante che nel dopo), sostanzialmente privo di complicanze gravi e di tipo ambulatoriale. Il paziente lascerà il Centro Medico dopo poco autonomamente

Trattamenti laser su emorroidi da me più frequentemente eseguiti:

  • HeLP:
    I parametri solitamente da me utilizzati sono i seguenti: laser diodo 980nm, fibra da 1000 micron, potenza 13W di potenza, 5 impulsi da 1.2 sec. per ogni arteriola (od anche più in base all’esito della verifica doppler) con intervallo di 0.6 sec. tra un impulso e l’altro; eventuale fotocoagulazione random supplementare circonferenziale della mucosa al fine di occludere anche eventuali shunts non rilevati e di favorire una maggiore retrazione mucosa.

Anatomia del canale anale e del retto basso in sezione sagittale. Si evidenziano le emorroidi e le arteriole emorroidarie che le riforniscono e che verranno fotocoagulate.

 

Introdotto nel retto l’anoscopio, si inserisce attraverso questo la sonda doppler miniaturizzata grazie alla quale vengono localizzati i rami delle arteriole emorroidarie.

 

Identificato il vaso, si estrae la sonda doppler e si inserisce, al posto di questa, la fibra laser. L’arteriola viene fotocoagulata. Si procede quindi a 360° ad identificare e fotocoagulare le rimanenti arteriole.

 

Risultato finale, che si ottiene a distanza di 30-60 giorni dall’intervento.